I Comuni sono i primi garanti dello stato sociale e del contrasto alle diseguaglianze. I “servizi alla persona” vengono in aiuto a chi è fragile o meno abbiente, tutelandone i diritti.

A Villasanta le associazioni attive nella solidarietà sono tante e ognuna è efficace nel proprio ambito. Serve una leva per un migliore coordinamento fra loro e con il Comune: istituiremo il Tavolo del Sociale, che metterà in rete tutte le risorse del territorio per aumentarne la capacità di sostegno a chi porta con sé bisogni complessi.

Avere una casa è un diritto primario: amplieremo il patrimonio edilizio comunale, punteremo all’edilizia convenzionata e alla manutenzione di quanto già esiste, al fine di efficientarne l’uso ed i costi di gestione.

Per il progetto di vita autonoma delle persone con disabilità favoriremo la formazione e il supporto alle famiglie, alle associazioni e agli operatori.

Con noi Villasanta sarà sensibile e aperta alle differenze: manterremo l’adesione alle reti “Re.a.dy” per prevenire e superare l’omolesbobitransfobia e “Artemide” contro la violenza di genere nelle famiglie. Proporremo percorsi di informazione per comprendere e accompagnare le condizioni di demenza e autismo.